ROUTINE PER I PICCOLI: COME ORGANIZZARLA?

 

 

Già pochi giorni dopo la nascita il neonato inizia a classificare il

mondo che gli sta attorno. Secondo la psicologa tedesca Renate Barth "Il bimbo cerca collegamenti tra causa ed effetto e si crea delle aspettative su come funziona il mondo: è un bisogno fondamentale di ogni bambino, scoprire delle regole". "I genitori devono capire questo comportamento per costruire una routine".
Ma come organizzare una routine?


Durante il giorno è importante seguire una routine flessibile ma abituale.
E’ bene prevedere la sveglia del piccolo non più tardi delle 8:30-9:00 e dedicarsi al cambio e successivamente alla poppata.

È' fondamentale  seguire con una certa regolarità negli orari diurni, poppate, cambi del pannolino, attività varie in quanto permettono di maturare l'orologio biologico del piccolo.
In particolare bisogna evitare le giornate dove gli eventi si susseguono senza alcuna regola (sveglia un giorno alle 7 e il giorno dopo alle 9, una volta alle 11.30 e quella successiva alle 13.30...)


Organizzare i pisolini

In genere, gli orari migliori sono questi:
– Se il bimbo fa 3 pisolini: metà mattina, primo pomeriggio e inizio della sera.
– Se il piccolo fa 2 pisolini: metà mattina e primo pomeriggio.
– Se il bimbo fa un pisolino: primo pomeriggio.


Preparare il bimbo al sonno
Se è allattato esclusivamente al seno o con il latte formulato, è opportuno controllare che il piccolo di giorno mangi a sufficienza.Per chi è già stato svezzato è fondamentale ricordare che un'alimentazione sana influisce anche sul sonno, oltre che sullo stato di salute generale.
Il bimbo deve stare comodo:  il luogo dove dorme deve essere adatto a lui, non troppo morbido o cedevole e la temperatura della stanza è cruciale per il suo comfort, né' troppo caldo ne' freddo.
Trovare una routine serale
– Fargli un bagnetto rilassante e caldo
– fargli un massaggio
– leggere una favola 
– cantare una ninna nanna
– ascoltare una musica rilassante 
– fare una passeggiata

Mettere a letto presto il bambino
L'idea che tenere il bambino sveglio fino a tardi, lo faccia poi 'crollare' non dà buoni risultati, anzi, spesso, è del tutto controproducente in quanto il bambino sarà troppo stanco per prendere sonno.



Pisolino e sonno notturno devono essere diversi e riconoscibili per il pargolo. 
Ecco come:

– Se il bimbo si sveglia di notte, non è bene fare conversazione ma limitarsi a poche parole
– Non è una buona idea accendere le luci. 
– Gesti e movimenti devono essere lenti e calmi.
– Se capita di dover cambiare il pannolino, è bene farlo in modo veloce con una salvietta tiepida e non fredda e bagnata che lo sveglierebbe completamente.
No a regole rigide - Sarà necessario ogni tanto cambiare la routine della giornata.Tenete conto però che a ogni cambiamento potrebbe reagire con irrequietezza e piangendo più spesso, perché le sue aspettative sono state deluse. Potrebbe passare circa una settimana prima che la nuova regola sia riconosciuta e torni tranquillo.


Dott.ssa Marta Codardo

© 2023 by by James Consulting. Proudly created with Wix.com